Pillole


Redazione V+ Redazione V+

"Non mi lamento": cosa ci insegna un "moderno" portinaio

 

 

Una storia d’amore “moderno” si consuma nella portineria di un palazzo, forse a New York, o in qualunque altra città riusciamo a immaginare.
Lei è Julie, una donna con diverse storie alle spalle e altrettanti strappi sentimentali.
Lui è Guzim, ingegnere chimico dell’Albania, che, una volta arrivato in America, ha iniziato a fare il custode (“Potrei definirmi un custode molto qualificato”, e sorride).
Il New York Times l’ha giudicata una storia talmente bella da inserirla nella rubrica Modern Love (dove si parla di amori importanti, anche se imperfetti), e ne è stato fatto un video, Open-hearted doorman, ripreso anche da Internazionale. Lo potete guardare qui.
Guzim, oltre a essere un addetto, è un uomo dal cuore “largo”. Nonostante non abbia un passato felice (e lo scoprite nel video), si rivolge con cortesia gli abitanti del palazzo. Spesso non viene ricambiato (i padroni che non si curano delle “tracce” lasciate dai cani in portineria è solo un esempio). Ma si prende cura di loro, e di Julie: quando la relazione con un uomo “moderno” e libertino la lascia a pezzi, Guzim le dice: “It’s gonna be all right”. “Andrà tutto bene”.
Quante volte ci siamo trovati così vicini a un cliente da potergli dire: “Andrà tutto bene?”.
Quante volte ci siamo dimostrati così “moderni”?
Altro che customer sastisfaction. Qui c’è di più.
Ah, il mantra di Guzim è “Non mi lamento. Cerco di dedicarmi alle cose belle”.
Niente da aggiungere.